Categoria: Food on the spot

Food on the spot – Una pizza in piazza a Napoli

Pizza a Napoli
Food on the spot vi porta, per questa puntata del mangiare una pizza a  Napoli, in una delle zone più trafficate e caotiche di Napoli, Corso Umberto, per la precisione Piazza Bovio.
La scelta può sembrare una distonia rispetto alle solite location da relax totale, ma sappiate che ci sono dei giardinetti molto carini, che ospitano spesso impiegati degli uffici lì intorno che scendono per il pranzo, giusto per staccare un pò dal pc.
Parliamo del cuore pulsante di Napoli, una zona che non è il centro storico, ma molto più caotica ed affollata per i tanti negozi ed uffici. Da questo punto della città, chiamato anche Piazza Borsa da quasi tutti i Napoletani, si può raggiungere facilmente il mare, piazza Municipio o via Toledo, ma anche la vivace piazza Garibaldi.

pizza a Napoli

Il food

La pizza ai peperoni, senza ombra di dubbio, si colloca nella mia top ten delle prelibatezze da gustare a Napoli. E come si può trovare da NaNa, store di prodotti tipici del territorio, è un qualcosa di speciale. Nana si trova poco lontanto da piazza Bovio, un dieci minuti di passeggiata per i vivaci vicoli che animano i dintorni di Corso Umberto, chiamato anche il Rettifilo di Napoli. Si tratta di un piccolo negozietto, molto carino, pieno zeppo di prodotti del territorio, delle vere eccellenze campane. Vino, miele, marmellate, pasta, ma anche ortaggi, affollano gli scaffali. Posso tranquillamente affermare che Nana rappresenta un esempio di quello che andrebbe fatto per valorizzare i prodotti della Campania, un vero e proprio store di qualità a Napoli.
Ho scelto una birra chiara, artigianale, devo dire molto gustosa e rinfrescante.

Lo spot

Piazza Bovio ospita la Camera di Commercio di Napoli, che spesso è host di importanti mostre ed eventi. Nel centro della piazza vi è una statua a cavallo di Vittorio Emanuele, Re d’ Italia. In realtà molti Napoletani preferiscono di gran lunga i Borbone, cosa che negli ultimi tempi ha fatto sì che nascesse un vero e proprio movimento Borbonico, un’ espressione dellà di tornare a tempi in cui Napoli ed il suo regno, ovvero quello delle due Sicilie, era molto potente ed indipendente dalla zona padana e nordica con cui poi è stata unificata l’ Italia. I Borbone hanno certamente portato il Regno delle due città e Napoli, il suo fulcro, molto in alto, e in un periodo di grandissima prosperità che ha prodotto delle eccellenze in campo tecnologico e culturale.

Ti sei perso le ultime puntate di Food on the spot? Non preoccuparti! Puoi subito rimediare!

Food on the spot

Mangiare a Napoli: la focaccia a largo Berlinguer

L’ appuntamento settimanale della gustosa rubrica “Food on the Largo Berlinguer, Napolispot” prevede come sempre, un piccolo itinerario succulento. Perchè questa rubrica? Beh semplice, chi ha detto che lo slow food dev’ essere al tavolo di un ristorante o un’ osteria? Ci sono pause pranzo o piccoli spuntini che alle volte trasmettono una tranquillità ben maggiore, e senza spendere troppo. Quindi, fate anche voi tesoro del nostro mantra: “Slow food per strada!”

In questo periodo, con questo clima primaverile, può essere davvero piacevole mangiare per strada. E perchè non fare una bella passeggiata per Via Toledo (che noi Napoletani chiamiamo quasi tutti Via Roma) per poi concludere in bellezza con una focaccia a largo Berlinguer? Pranzare per strada può essere un ottimo modo di mangiare a Napoli.

La focacceria a salita ponte di tappia, napoliIL FOOD

A salita Ponte di Tappia, una strada di via Rom..ops! Via Toledo, è possibile trovare una piccola bottega, chiamata “La focacceria”, dove è possibile gustare delle focacce e dei saltimbocca a prezzi piuttosto modici. Oltre alla classica margherita, ci sono focacce ripiene di tanti tipi, ma la mia scelta è stata quella di un classico cibo napoletano: la pizza di scarole. Solitamente farcita con olive, capperi e talvolta alici salate oltre alla fondamentale scarola cotta, si può definire una vera “esplosione di gusto”. Saporitissima, ma anche fresca, è una pietanza che può essere trovata in tante pizzerie napoletane. Poco vicino alla focacceria vi è una libreria Feltrinelli, ma ragazzi, mi raccomando: se avete bisogno di una guida turistica per visitare Napoli, affidatevi alle nostre! Sono infatti itinerari turistici scritti da Napoletani, ed in più gratuiti!

Metterò qui un pulsante, fatene buon uso!

Itinerari Napoli Travel Naples

LO SPOT

Focaccia a Largo Berlinguer. NapoliUno spazio grande, che affaccia da un lato su via Toledo, dall’ altro su una grande piazza. Gente che passa
distratta, di corsa sotto un sole di primo pomeriggio, una piccola orchestrina jazz che suona in lontananza, ragazzi che incuriositi sbirciano dalle finestre della stazione della metro, artisti di strada intenti a dipingere, e il castello di Sant’ Elmo che sovrasta la scena dall’ alto. Beh si. E’ stato davvero piacevole provare per voi l’ itinerario Food on the Spot di questa settimana, largo Berlinguer è un’ ottima scelta per un pranzo in tranquillità.

Ricordiamo che solo ultimamente è stato intitolato in tributo al celebre statista italiano.

Troverete delle panchine disposte in cerchio, poco avanti sulla discesa. Sulla zona sinistra di solito vi sono dei mercatini in cui potrebbe essere disponibile qualche buon affare. Poco vicino vi sono i varchi di accesso alla famosissima stazione della Metropolitana 1 di Via Toledo. Naturalmente vi consigliamo di farvi un giro, ma se dovessero servirvi indicazioni, potete fare riferimento alla nostra guida trasporti!

Lascerò un altro bottone qui, adesso. Mi raccomando, non cliccatelo, o potreste scoprire cose sui trasporti che non avreste voluto sapere!

Itinerari Napoli Travel Naples

Ora vi saluto, e ricordate: una pizza di scarole è per sempre! (o anche due soli minuti, dipende da quanto siete veloci a mangiare)

 

 

 

 

Mangiare a Napoli: un panino a San Marcellino

Il Caseificio - Via Duomo - Napoli
La rubrica “Food on the spot” caratterizzata dal cosa mangiare a napoli è partita da un’idea venutami durante un panino a San Marcellino. “Food on the spot” infatti riguarda il mangiare bene a Napoli, distinguendosi da tutte le guide sulla ristorazione che sono certamente validissime, ma che riguardano il mangiare seduti ad un tavolo di ristorante o pizzeria. La mia idea infatti è quella di raccontare brevissimi itinerari, che comprendono sempre una scelta di food, e la scelta di uno spot. Il food è un qualcosa di comprato, da asporto o comunque da mangiare subito, in un punto ben preciso. Lo “spot” di solito si distingue per essere un luogo che trasmette tranquillità, una sorta di piccola oasi in città. E mangiare un panino a San Marcellino è forse la location che maggiormente rispecchia questo metodo di giudizio.

Cosa vedere a Napoli: San Marcellino
San marcellino

Il food

Un panino-pizza.
Da molti definito “il panino pizza”, il panino bresaola-rucola-scaglie di grana ed un filo d’ olio è una scelta leggermente costosa, ma anche gustosa e sana. Un panino morbido va benissimo, ma questa scelta si esprime al meglio con un pane integrale o ai cereali. Per un panino di media misura siamo circa sulle 500 calorie. Ho scelto una salumeria chiamata “Il Caseificio”, a via Duomo. Fa degli ottimi panini, sia freddi che alla piastra. E’ spesso meta di studenti che scelgono un panino per mangiare nella pausa pranzo ed affollano il piccolo locale.

LO SPOT

La storia narra che nel VI secolo, circa 1566, i due monasteri: quello di San Marcellino e quello di San Pietro e San Festo, furono accorpati in un unico complesso che fu chiamato dei Santi San Marcellino e Festo; in questo modo si sarebbe provveduto a dare un tetto per le monache rimaste senza una fissa dimora.

Dopo il Concilio di Trento il complesso fu più volte modificato, fino ad arrivare al 1772 con il disegno dell’ architetto Vanvitelli e alla conformazione definitiva. Durante il IX secolo le monache benedettine che risiedevano nel convento furono costrette a trasferirsi nella Chiesa di San Gregorio Armeno, dove tuttora dimorano. Attualmente il complesso ospita l’Università di Napoli Federico II.

San Marcellino è un’ oasi urbana, uno spazio dove il tempo è fermo e pare tutto così lontano dallo stress e dai rumori della città.Cosa vedere a Napoli: San Marcellino

Mangiare a Napoli: la frittata di patate

Mangiare a Napoli:la Frittata di patate

Abbastanza vicino al molo Beverello, dove è possibile prendere il traghetto o l’ aliscafo per le belle isole del Golfo di Napoli (Capri, Ischia e Procida da sinistra verso destra se guardate dal molo), si trova la grande Piazza Municipio. Questa piazza, che per molti anni i Napoletani sono stati costretti a vedere immersa in un cantiere, è finalmente tornata a nuova vita.

Piazza municipio
Piazza municipio

La scelta del food

Piazza municipio - food on the spot napoli - frittata di patate Questa volta ho scelto per il percorso Food on the Spot, di gustare una freschissima frittata di Patate nella bella Piazza Municipio. Se accompagnata con una buona birra, vi assicuro che sarà una cosa che vale anche la pena ripetere più volte, credetemi. La frittata di patate potete trovarla da Grangusto, ristorante, bar e Giulio Agricola birra saison al frumentosupermercato su Via Marina. Non scoraggiatevi guardando la mappa di Napoli, sono due passi poichè è piuttosto vicino alla piazza, inoltre il percorso è molto piacevole. Il vero punto di forza della scelta di Grangusto è la selezione di qualità superiore per quanto riguarda drink, vino, birra ma anche cibo gourmet e prodotti alimentari selezionati. Insomma un livello sopra tutto il resto. Personalmente ho scelto una birra saison al frumento, la Giulio Agricola, prodotta nel Lazio. Come ho detto, è possibile trovare moltissime birre e vini italiani da Grangusto.

Per chi di voi voglia provare qualcosa di un pò più caratteristico, e con questo intendo cibo tradizionale di Napoli, vi consiglio una frittata di maccheroni. La frittata di maccheroni si può considerare un trademark napoletano, un copyright partenopeo, un evergreen, insomma un classico.

Lo spot

Beh questa volta non servono parole. Davvero.
Vi basterà arrivare nella piazza per capire di cosa sto parlando.
Se poi invece volete una prova, potete consultare la nostra guida itinerario Napoli Centro
Itinerario Napoli Centro

 

La fontana del Nettuno

Piazza Municipio ospita al centro la fontana del Nettuno, che, edificata nel VI sec. e voluta da Enrique de Guzmán, conte di Olivares, Vicerè di Napoli, è stata spostata moltissime volte negli ultimi anni di storia della città di Napoli. Infatti fino a pochi anni fa, durante i lavori nella piazza, era ospitata presso Via Medina. E’ stata poi spostata nel corso del 2015, in concomitanza con l’ apertura della stazione della Metro 1 di Piazza Municipio.

Questa stazione, dalle dimensioni veramente estese, contiene reperti archeologici di grande valore e costituisce una grande attrazione per i turisti a Napoli.

Palazzo San Giacomo

Proprio dietro la statua, con il mare alle spalle, vi è Palazzo San Giacomo, che ospita il consiglio comunale ed il Sindaco di Napoli. Quindi non preoccupatevi della polizia che probabilmente sarà li, e gustatevi la frittata di patate!

Come arrivare a Piazza Municipio dalla Stazione Garibaldi
[bw_button link=”https://www.google.com/maps/dir/Piazza+Garibaldi,+Naples,+Metropolitan+City+of+Naples,+Italy/Piazza+Municipio,+80133+Napoli,+Italy/@40.8457835,14.2523615,15z/data=!3m1!4b1!4m14!4m13!1m5!1m1!1s0x133b0816655fbeed:0x8565644151a86895!2m2!1d14.2695251!2d40.851656!1m5!1m1!1s0x133b084e483537d5:0x5307c6e798761ad5!2m2!1d14.2527503!2d40.8400109!3e2″ text=”Clicca qui per le indicazioni” title=”Indicazioni stradali Piazza Municipio”]

Per la versione in inglese cliccare qui.

 

Salva

Salva

Mangiare a Napoli: pizza fritta

Mangiare a napoli: una pizza fritta è per sempre

Pizza Fritta, Specialità di Napoli
Impossibile resistere!

A piazza Trieste e Trento, è possibile notare una bottega a cui manca l’insegna, quella di zia Esterina, che prepara delle pizze fritte spettacolari.
Spesso c’è un po di fila ma vi assicuro che ne vale la pena poiché per me si tratta forse della pizza fritta migliore di Napoli.
La Proposta di questa settimana è di mangiare la pizza fritta a Piazza Plebiscito, seduti sugli scalini, osservando il passeggio di persone che appariranno minuscole di fronte alla grandezza del posto; insomma veramente rilassante!

Pizza fritta da asporto Napoli
Pizza fritta da Zia Esterina, Piazza Trieste e Trento, Napoli

Il percorso richiede una decina di minuti per arrivare allo “spot”, ed ho pensato a tutto io, infatti il tempo è quello ottimale per aspettare che la pizza fritta si raffreddi un minimo, altrimenti il ripieno sarà ad una temperatura nociva per la vostra lingua… A meno che non siate dei mangiafuoco, sapete, gli artisti di strada? … Beh in quel caso non avrete problemi.

Il prezzo della pizza fritta è onesto, e la porzione è veramente abbondante. E’ possibile prendere la pizza in tanti modi diversi e personalmente osservare il momento in cui la pizza si gonfia nell’ olio bollente è una cosa che mi ha sempre affascinato.

Qualche cenno sulla piazza e su Napoli

Piazza Plebiscito di sera, Napoli
Piazza Plebiscito di sera, Napoli

Piazza Plebiscito è di fronte alla residenza Reale, e vi è un simpatico aneddoto sulle statue riposte nelle teche del palazzo, che non sto qui a raccontare, ma che di sicuro stando con qualche Napoletano avrete sentito, in caso contrario una veloce ricerca sul web vi svelerà l’ arcano.
Inoltre un simpatico gioco che i Napoletani usano fare è partire dal fondo della piazza, dal lato opposto alla chiesa, al centro, e bendati cercare di raggiungere lo spazio tra le due statue a cavallo. Leggenda narra, che al tempo della Regina Margherita di Savoia, una volta al mese, un prigioniero fosse messo alla prova proprio in questa piccola sfida, sfida quasi impossibile per la vastità di Piazza Plebiscito.
Inoltre il nome Plebiscito viene dalla data in cui furono svolti i festeggiamenti per l’ annessione della Sardegna al Regno delle due Sicilie.

Nel corso del tempo a Piazza Plebiscito molte opere di arte contemporanea sono state esposte, di solito opere di dimensioni enormi, e particolarmente d’ impatto. Infatti nel periodo natalizio spesso passo di lì, per curiosità, visto che spesso queste opere eccentriche provocano più di un sorriso.

Per la versione in inglese cliccare qui.

Il Carnevale a Napoli: Chiacchiere a Piazza Dante

Piazza Dante

Chiacchiere a Piazza Dante

Carnevale a Napoli si sa, vuole dire soprattutto chiacchiere. Cosa sono le chiacchiere? No, non mi riferisco a quelle dal parrucchiere. Le chiacchiere sono un dolce famoso in tutto il mondo, conosciute come “Angel Wings”. In italia sono note come: bugie, cenci, crostoli, frappe, galani, sfrappole. Possono essere al forno, o fritte, nella versione più peccaminosa. Ovviamente per tenere alta la tradizione, vi consiglio quelle fritte. E perchè non gustarsi delle croccanti chiacchiere, nella spaziosa (ed anche ventosa, portate un cappello!) Piazza Dante? Il percorso per arrivarci è semplice, da Via Toledo, potete fermarvi da Gay Odin, nota fabbrica di cioccolato con moltissime sedi a Napoli. Hanno delle ottime chiacchiere, e per i meno scaltri, che non ci siano ancora arrivati, trattandosi di una cioccolateria, hanno anche il Sanguinaccio, cioccolato allo stato liquido con un sapore molto aromatico. Va bene, probabilmente consigliare il sanguinaccio è un colpo basso per la dieta di molti, ma sono abbastanza certo che poi mi ringrazierete. Spesso la domenica mattina, Piazza Dante è sede di numerosi eventi, tra i quali alle volte vi sono i mercatini della Coldiretti. Formaggi, frutta, verdura, ed anche prodotti tipici della Campania, come i pomodorini del piennolo arricchiscono i banchi del mercatino, distinguibile da tendaggi di colore verde A due passi c è Portalba, con i suoi librai, dove è possibile trovare occasioni su libri quantomeno “particolari”.

Piazza Dante

Sul lato sinistro della piazza, sono posizionate numerose panchine. Sedersi ad una di queste panchine, vuol dire immergersi ben presto in un’ atmosfera surreale. Vedrete, una volta seduti, e quindi da spettatori, quanta vita muove i Napoletani, e soprattutto questa zona della città, sicuramente la più colorata e gioiosa. Non credo ci sia modo di annoiarsi visitando Napoli, una città spinta da una vitalità misteriosa e prepotente, che lascia il segno a chi ne intravede i tratti. Come arrivare a Piazza Dante dalla Stazione Garibaldi a Gay Odin a Via Toledo (molto vicino alla piazza) Alcune informazioni: Come arrivare a Piazza Dante dalla Stazione Garibaldi

Sito di Gay Odin

La ricetta delle chiacchiere
Presente nelle guide:

Per garantire un migliore funzionamento del sito, utilizziamo cookie di terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi