Street Art Tour: Zilda a Napoli

Street Art Tour: Zilda a Napoli

in viaggio con la street art di zilda a napoli

Il nostro viaggio attraverso la street art continua con una puntata dedicata interamente all’artista francese Zilda a Napoli. Armiamoci di macchina fotografica e scarpe comode perchè il percorso è molto vario tra salite e discese. L’itinerario partirà dalla stazione della linea 1 della metro di Museo, per arrivare nel quartiere Sanità, dove raggiungeremo il palazzo storico Sanfelice: qui troveremo una delle opere più recenti dell’artista francese Zilda a Napoli, su una delle pareti dell’interno troveremo “Il vento pesa quanto le catene”, ovvero un uomo disegnato su carta incatenato raffigurato dinnanzi al profilo del Vesuvio con il golfo di Napoli.

Zilda a Napoli
“Il vento pesa quanto le catene” di Zilda a Palazzo Sanfelice a Napoli.

Ma scopriamo insieme uno degli artisti più bravi del panorama mondiale della street art. Zilda nasce a Rennes ed il suo legame con Napoli si rafforza nel 2012 quando inizia a decorare la città con numerosi post di ispirazione rinascimentale in varie zone del centro storico e della periferia. La tecnica utilizzata dallo street artist è quello di disegnare l’opera su carta, dipingerla in un secondo momento e poi attaccare la carta nei luoghi scelti per l’installazione.

Dal 2012 molte sono state le opere lasciate dall’artista Zilda a Napoli, ma tantissime altre sono state distrutte o vandalizzate.

zilda a napoli
L’Angelo Riabilitato di Zilda a Napoli (Scugnizzo Liberato- Salita Pontecorvo)

 

Dal Rione Sanità passiamo per piazza Dante dove ci dirigiamo verso l’ex carcere Filangieri, diventato Scugnizzo Liberato (ne abbiamo parlato anche qui nella nostra seconda puntata di Street Art in Naples). Quì Zilda aveva lasciato due magnifiche opere, una delle quali è andata distrutta sul tetto dello stabile, al primo piano invece troviamo “L’angelo riabilitato” in una delle stanze non ancora ristrutturate dal collettivo cittadino che si occupa della riqualificazione dello Scugnizzo Liberato. La donna sul tetto dal titolo “Tu eri l’ineffabile” fu ispirata da un’opera di Jean de Bosschre.

zilda a Napoli
“Tu eri l’ineffabile” di Zilda a Napoli (Scugnizzo Liberato). Opera non più visibile.

Torniamo verso Piazza Cavour per fare una sosta culinaria con un cornetto della Pasticceria Rescigno per passare sotto la magnifica Porta San Gennaro e dirigerci in Vico San Giovanni in Porta, un piccolo vico dove Zilda ha lasciato una delle prime opere e tra le più belle: un angelo raffigurato sempre con un’aurea rinascimentale.

zilda a napoli
L’Angelo di ZIlda a Napoli. Vico San Giovanni in Porta.

Passeggiando per i Decumani troviamo altri due magnifici poster di Zilda a Napoli, entrambi non sono visibili al pubblico perchè il primo si trova nella Chiesa della Scorziata, un edificio religioso inagibile ed attualmente chiuso, mentre l’altro è nel Complesso degli Incurabili.

L’ultima tappa del nostro viaggio attraverso l’arte di Zilda è Vico Santa Maria Dell’Aiuto dove sono raffigurati una donna ed un bambino.

Zilda a Napoli
ZIlda in Vico San Maria dell’Aiuto a Napoli

Altre opere sono presenti nel quartiere periferico di Poggioreale e a Portici.

Hai perso qualche puntata di Street Art in Naples? Clicca qui per recuperare!

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Per garantire un migliore funzionamento del sito, utilizziamo cookie di terze parti. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi